Site Overlay

Il pallone sgonfio. L’Antitrust sanziona SKY!

L’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, con provvedimento del 23 gennaio 2019, n. PS11232, ha sanzionato SKY per le condotte tenute in merito al servizio di distribuzione di contenuti sportivi, relativamente alla stagione calcistica 2018/2019.

Dalle   segnalazioni ricevute dall’Autorità è emerso che   i   clienti   di SKY già   abbonati erano stati convinti di poter  fruire,  anche  per  la  stagione calcistica  2018/19,  dello stesso contenuto  del  pacchetto “SKY Calcio” dell’anno precedente e, dunque, di poter vedere tutte le partite della serie  A   e   della serie B. A tale incomprensione contribuiva anche la circostanza per cui il   costo dell’abbonamento era rimasto fisso.

La condotta posta in essere da SKY avrebbe  costretto i  clienti già abbonati al  pacchetto  Calcio a mantenere il   contratto in  essere, continuando a   subire gli addebiti mensili o, in alternativa, a   recedere dal contratto, sostenendo il  costo delle penali o la  perdita  di  sconti  e   promozioni.

Secondo l’Antitrust, SKY non ha  adeguatamente evidenziato nella sua pubblicità tutti i principali elementi  informativi  relativi  all’offerta  “Calcio” per la stagione 2018/19.

La reclàme di SKY relativa al pacchetto Calcio mostrava, prima che il campionato avesse inizio, masse di tifosi con le maglie di varie squadre che correvano verso uno stadio, portando con sé sedie, sgabelli o poltrone; i  consumatori venivano invitati  a prendere posto, perché  “sarà una  stagione  di  calcio imperdibile”. SKY ha, dunque,  ingenerato  nei  consumatori la convinzione  di poter  assicurare  la  visione  di tutte  le  partite  di  calcio  per  la stagione 2018/19, senza renderli edotti circa le limitazioni dell’offerta.

Ma le cose non stavano così. Nel periodo  2015/2018 SKY Calcio  comprendeva  la  trasmissione  in diretta  di tutta  la  serie  A, della  serie  B,  delle  qualificazioni ai   Mondiali ed agli Europei UEFA, della Coppa America.

Dalla  seconda  metà  di giugno  2018,  ad    esito  dell’assegnazione  dei diritti, il “pacchetto calcio” comprende 7 partite su 10 di serie A, le partite di Champions,  di Europa  League,  di Premier  League  e di Bundesliga.

Soprattutto, dal pacchetto è “sparita” la serie B, trasmessa da DAZN con modalità non sempre efficaci, a fronte di un abbonamento comunque oneroso, a carico dei soliti consumatori.

Le condotte tenute da SKY sono state ritenute scorrette per violazione dell’art. 21, comma 1, lettera b), 24 e 25 del Codice del Consumo. Come se non bastasse aver perso la presenza di Diletta Leotta nella stagione 2018/2019, ne è derivata una ammenda da 7.000.000,00 di euro in capo a SKY, anche se è ipotizzabile che la società non mancherà di rivolgersi al TAR Lazio contro il provvedimento dell’Antitrust.

1 thought on “Il pallone sgonfio. L’Antitrust sanziona SKY!

Lascia un commento